Digital Tzoppicare Tanca (DTT)

Webb ha raggiunto la sua destinazione ed è entrato nell'orbita prevista

Dopo un mese di viaggio, ecco qua Telescopio spaziale James Webb (JWST) direttamente in orbita attorno al Punto di Lagrange L2 si è verificato. Nei prossimi cinque mesi, Webb sarà preparato per le operazioni, con l'inizio della ricerca scientifica a giugno

Gli specchi e gli strumenti scientifici di Webb non hanno ancora raggiunto la temperatura di esercizio stabile richiesta. Hai ancora bisogno di rinfrescarti un po'. E hanno iniziato a raffreddarsi, e molto rapidamente, non appena il telescopio ha visto il scudo termico srotolato. Tuttavia, questo processo non è lasciato alla sola natura. È strettamente controllato posizionando strisce riscaldate elettricamente in punti strategici del telescopio. Grazie a ciò è stato possibile sia il restringimento uniforme in tutto struttura telescopica sia per controllare che per garantire che l'umidità assorbita dalla terra evapori e non congeli alle ottiche o ai sensori, il che potrebbe ostacolare la ricerca scientifica.

Bene là Webb Una volta a destinazione, il centro di controllo utilizzerà il sensore di regolazione fine per puntare il telescopio verso una delle stelle luminose e verificare che l'osservatorio sia in grado di selezionare tale obiettivo, metterlo a fuoco e seguirlo mentre si fa strada attraverso l'orbita. La verifica del corretto funzionamento viene eseguita principalmente con lo strumento NIRCam. Tuttavia, poiché lo specchio primario del telescopio non è ancora allineato correttamente, vengono acquisite fino a 18 immagini sfocate della stella osservata.

Una volta confermato che Webb è in grado di tracciare il target selezionato, il noioso processo di regolazione di tutti i 18 segmenti del specchio primario, in modo che sembri un grande specchio. I singoli segmenti dello specchio si sposteranno con una precisione nanometrica e l'intero processo richiederà tre mesi interi.

Nel frattempo, il processo di raffreddamento di Webb sarà completo e tutti i dispositivi saranno alle temperature passive più basse possibili. Lo scudo termico assicura che il telescopio abbia una temperatura operativa stabile dal basso -223,15 gradi Celsius ha. Viene quindi attivato un sistema di raffreddamento attivo, mantenendo la temperatura di esercizio ottimale per uno dei quattro strumenti Webb, MIRI, dovrebbe garantire. Lo strumento a infrarossi medi è una fotocamera e uno spettrografo estremamente sensibili che operano nella gamma del medio infrarosso. Lo strumento è così sensibile che dalla Terra potrebbe vedere una candela accesa su una delle lune di Giove. Tuttavia, per sviluppare il suo pieno potenziale, ha bisogno di temperature molto basse. Pertanto, era necessario un innovativo sistema di raffreddamento attivo a due stadi per portare MIRI a una temperatura di esercizio di -266,16 gradi Celsius. D'ora in poi, Webb sarà in grado di acquisire immagini di alta qualità di stelle lontane o galaxian per creare.

Nel quinto e sesto mese dopo il lancio, tutti e quattro gli strumenti scientifici saranno calibrati e le loro varie modalità operative saranno testate su bersagli rappresentativi nello spazio. È in fase di sperimentazione anche la capacità del telescopio di tracciare oggetti "in movimento" come asteroidi, comete, pianeti o lune nel sistema solare. Subito dopo, il NASA annunciare i risultati dei loro test e dimostrare le piene capacità del telescopio.