Digital Tzoppicare Tanca (DTT)

La magnetosfera terrestre potrebbe favorire la formazione di acqua sulla superficie lunare

Prima dell'era delle spedizioni Apollo, i ricercatori credevano che la luna fosse un deserto arido. Tutto a causa delle temperature estreme sulla sua superficie e del duro ambiente spaziale. Tuttavia, molto è cambiato da allora e gli scienziati hanno confermato l'esistenza dell'acqua sulla luna (La NASA conferma la presenza di acqua nelle regioni soleggiate della luna). Si trova sotto forma di ghiaccio negli ombrosi crateri polari, è legato nei sedimenti del suolo lunare e nelle rocce di origine vulcanica. Tuttavia, c'è ancora incertezza sulla quantità e l'origine dell'acqua sulla luna.

Fonte immagine: Pixabay

Da dove viene l'acqua sulla luna?

La teoria attuale più popolare è quella caricata positivamente Ioni idrogeno, alimentato da Vento solare, bombardano la superficie lunare e reagiscono spontaneamente con i minerali ossigenati nella regolite per formare gruppi idrossilici (OH-). Successivamente, la radiazione del bombardamento di micrometeoriti può morire Gruppi idrossilici in acqua Converti (H2O). Tuttavia, un nuovo studio internazionale suggerisce che il vento solare potrebbe non essere l'unica fonte di ioni che raggiunge la superficie del nostro satellite naturale. Gli scienziati dimostrano che le particelle dalla terra possono "seminare" l'acqua sulla luna. Se lo guardi un po 'più ampio, i pianeti potrebbero essere una fonte d'acqua per i loro satelliti. L'acqua è molto più comune nello spazio di quanto pensassero inizialmente gli astronomi. È stato trovato sulla superficie di Marte, sulle lune di Giove, negli anelli di Saturno, su comete, asteroidi e su Plutone. È stato rilevato anche in nuvole molto al di fuori del nostro sistema solare. In precedenza, i ricercatori presumevano che l'acqua entrasse in questi oggetti durante la formazione del sistema solare. Ora stiamo acquisendo sempre più prove che l'acqua nello spazio è molto più dinamica.

L'influenza della magnetosfera terrestre


il Vento solare rimane la probabile fonte d'acqua sulla superficie lunare. Ma i modelli al computer sviluppati dagli scienziati suggeriscono che fino alla metà dell'acqua da questa fonte dovrebbe evaporare durante la luna piena quando la palla d'argento è sotto l'influenza del Magnetosfera la terra sta. Sorprendentemente, una recente analisi di Carte idrossiliche la superficie lunare creata dal Moon Mineralogy Mapper sul satellite Chandrayaan-1 assicura che l'acqua sulla superficie lunare non scompaia durante il tempo in cui è esposta alla magnetosfera terrestre. In precedenza, gli scienziati credevano che il campo magnetico terrestre impedisse al vento solare di raggiungere la luna, facendo evaporare l'acqua più velocemente di quanto fosse stata creata. Tuttavia, si scopre che non lo è.

Confrontando Carte idrossiliche la superficie lunare prima, durante e dopo il passaggio attraverso la magnetosfera, i ricercatori hanno scoperto che l'acqua della luna è passata attraverso Correnti ioniche può essere reintegrato dalla magnetosfera, noto anche come "vento terrestre". La presenza di questi ioni derivati ​​dalla Terra vicino alla luna è stata confermata dal satellite Kaguya, ea loro volta i satelliti THEMIS-ARTEMIS hanno determinato le loro proprietà.

Precedenti osservazioni del satellite Kaguya durante la luna piena hanno rivelato alte concentrazioni di isotopi di ossigeno che sono sfuggiti allo strato di ozono terrestre e si sono depositati sul pavimento lunare, insieme a un'abbondanza di ioni idrogeno. Questi flussi di particelle combinati differiscono fondamentalmente da quelli del vento solare. La scoperta suggerisce che la stessa magnetosfera terrestre è un "Ponte dell'acqua"che potrebbe ricostituire l'acqua sulla luna.

Ricerca futura

Nello studio è stato coinvolto un team di esperti in cosmochimica, fisica spaziale e geologia planetaria. Come si è scoperto, le precedenti interpretazioni degli scienziati non hanno tenuto conto dell'influenza degli ioni dalla terra e non hanno studiato come l'acqua sulla superficie della luna cambia nel tempo. L'analisi è stata particolarmente difficile a causa della rarità di osservazioni simili e della necessità di confrontare le stesse condizioni sulla superficie lunare. Gli scienziati ritengono che studi futuri sui venti solari e planetari potrebbero rivelare di più sull'origine dell'acqua nel nostro sistema solare. Tuttavia, i satelliti con estensione Spettrometri di mappatura dell'acqua , Sensori di particelle in orbita e sulla superficie lunare.